Category Archives

9 Articles

Siti vetrina

Dove posizionare in casa un condizionatore d’aria

Posted by Massimo Miceli on

Sicuramente il desiderio di tutti è quello di vivere in un ambiente sempre fresco e accogliente anche nei caldi mesi estivi. Nel nostro piccolo, possiamo facilitare il lavoro del nostro nuovo condizionatore d’aria consentendogli di essere più efficiente e al tempo stesso di consumare meno energia. Tutto ciò dipende esclusivamente dalla corretta collocazione del dispositivo all’interno di casa.

Quali ambienti di casa desideri rinfrescare?

Bisogna innanzitutto individuare quelle che sono le stanze che desideriamo raffreddare maggiormente rispetto le altre. Potremmo ad esempio avere necessità di rinfrescare le camere da letto o in alternativa la zona giorno, oppure direttamente tutta la casa.

Da questa scelta dipende a sua volta il modello di condizionatore d’aria che andremo a scegliere, in quanto per raffreddare un ambiente particolarmente grande è necessario il dispositivo che sia più potente.

Il corridoio è una posizione strategica

Nel caso in cui si desideri rinfrescare tutta la casa, bisogna considerare che una buona posizione potrebbe essere l’area della zona giorno. Qui il climatizzatore potrebbe essere posizionato in direzione del corridoio così da riuscire a rinfrescare anche tutte le altre stanze di casa.

Probabilmente questa non sarà la migliore soluzione per quel che riguarda l’estetica, ma è necessaria per ottenere una riduzione della temperatura in tutto l’appartamento. Ad ogni modo i nuovi modelli di condizionatori Mitsubishi sono il massimo anche dal punto di vista del design e dell’estetica.

Anche l’unità esterna necessita di essere posizionata laddove non viene colpita direttamente dai raggi del sole, altrimenti sarà costretta a lavorare di più per poter regolare la sua temperatura interna.

Infine, è importante ricordare che l’unità esterna non deve essere posizionata dove questa può essere raggiunta dalle foglie degli alberi ad esempio, oppure polvere e detriti. In questo caso infatti, la macchina sarebbe più soggetta a sporcizia e malfunzionamenti.

Tenere conto di queste semplice indicazioni consentirà di usufruire al meglio del nuovo dispositivo e riuscire così a rinfrescare perfettamente agli ambienti desiderati.

Siti vetrina

Migliorare la produzione con i laser industriali

Posted by Massimo Miceli on

Realtà industriali e produttive di qualsiasi tipo sono oggi interessate a trovare nuovi strumenti che consentano loro di migliorare la produzione. Chiaramente parliamo di una produzione rinnovata che non preveda la diminuzione della qualità ma al contrario un incremento in tal senso, riuscendo al tempo stesso a velocizzare quelli che sono i tempi di lavorazione. Questa è la grande sfida di mercato alla quale al momento sono chiamate aziende e realtà produttive di ogni settore, le quali cercano di andare incontro alle necessità dei clienti.

I moderni laser industriali

I moderni laser industriali a tal proposito, rappresentano la soluzione perfetta per tutte quelle realtà produttive che sono alla ricerca di uno strumento che consenta loro di fare questo balzo in avanti per quel che riguarda la qualità.

Un moderno laser industriale infatti, azionato da un robot, consente di ottenere una precisione di taglio davvero impensabile fino a qualche anno fa, anche riguardo alle curvature più particolari o ai tagli più complicati. Inoltre un moderno laser industriale è in grado di effettuare operazioni di marcatura o saldatura in maniera rapida, precisa e affidabile.

Vi sono chiaramente degli aspetti positivi da considerare anche a livello economico, dato che per gestire un laser industriale è necessaria una quantità inferiore di manodopera e i tempi di lavorazione sono sicuramente ridotti. Questo è il motivo per il quale oggi realtà produttive dei settori più disparati fanno ricorso ai laser industriali: parliamo del settore scientifico, aerospaziale, medico e automobilistico, tra gli altri.

Un’ampia gamma di laser industriali

Optoprim srl è un’azienda della provincia di Monza che opera su tutto il territorio nazionale, e offre una vasta gamma di laser industriali ciascuno dei quali ben si adatta a necessità produttive specifiche del settore in cui opera. Lo staff è lieto di offrire una consulenza specializzata che consente di individuare esattamente la soluzione di cui si ha bisogno in base al settore in cui si opera e alle necessità specifiche.

Siti vetrina

Perché è importante il timbracartellini in azienda?

Posted by Massimo Miceli on

Grazie ad un marcatempo timbracartellini è possibile consentire ai propri dipendenti di segnare in maniera precisa e rapida il proprio orario di ingresso e di uscita dalla sede in cui l’attività lavorativa viene svolta.

Infatti, all’interno della gestione delle presenze, è molto importante che vi sia un timbracartellini per fare in modo che l’organizzazione aziendale possa sempre essere efficace, e per questo avere sempre la possibilità di andare a certificare quelli che sono gli orari di lavoro effettivamente svolti dai propri dipendenti.

Un timbracartellini rende più facile il lavoro del settore contabilità

Si tratta anche di una questione di sicurezza in quanto in caso di evacuazione, grazie ad un sistema di questo tipo, è possibile sapere con esattezza quali persone sono ancora all’interno dell’edificio. Inoltre, un timbracartellini va anche a snellire il lavoro di ufficio e di amministrazione, in quanto consente di andare a contabilizzare le ore lavorative di ciascun dipendente in maniera davvero semplice ed immediata.

I modelli proposti da Cotini srl vanno anche ad evidenziare, tramite apposito asterisco, quelle che sono le anomalie come ad esempio un ingresso ritardato al lavoro o una uscita anticipata, e andare così a facilitare il lavoro di quanti lavorano nel settore contabilità.

Un controllo efficace e costante

Di fatto, dunque, un timbracartellini svolge un’importante funzione da intermediario tra azienda e dipendenti, in quanto consente al datore di lavoro di poter avere quotidianamente un report completo su quelle che sono le presenze dei propri dipendenti e dunque rendere più efficace anche l’analisi dei costi.

In ultima analisi, un timbracartellini è uno strumento perfetto anche per fare in modo che gli orari di lavoro vengano rispettati in maniera scrupolosa, nonché per monitorare periodi di ferie, permessi di astensione dal lavoro e variazioni agli orari di lavoro che saltuariamente i singoli dipendenti possono richiedere. 

Siti vetrina

La Carta d’identità elettronica 3.0 fa accedere a tutti i servizi Inps

Posted by Massimo Miceli on
La Carta d’identità elettronica 3.0 fa accedere a tutti i servizi Inps

Con il messaggio del 22 gennaio 2020 l’Inps ha comunicato che oltre alle credenziali Pin, Cns e Spid  sarà possibile accedere a tutti i servizi online tramite la nuova Carta di Identità Elettronica 3.0, il documento personale che attesta l’identità del cittadino attraverso un microchip che memorizza i dati del titolare. Si tratta di un “importante sviluppo di nuove utilità per tutti i cittadini italiani in possesso dell’innovativo documento d’identità – dichiara in un comunicato Luciana Lamorgese, Ministro dell’Interno – che potranno così usufruire delle prestazioni disponibili in rete con il massimo livello di sicurezza”. Si può accedere al servizio con uno smartphone Android, scaricando l’app Cie ID, oppure da pc.

Tanti i servizi online accessibili a chi è già in possesso della Cie 3.0

Grazie alla collaborazione tra l’Inps e il Poligrafico e Zecca dello Stato è possibile accedere ai servizi per i lavoratori, utilizzare il Portale dei Pagamenti, verificare la propria posizione contributiva o previdenziale, e consultare il cedolino della pensione. Sono questi alcuni dei servizi online dell’Inps che ora sono accessibili ai milioni di cittadini italiani già in possesso della Carta d’Identità Elettronica 3.0, il documento rilasciato dal Ministero dell’Interno e prodotto dal Poligrafico, riporta Askanews.

Un’avanguardia europea per interconnessione e tutela dei dati personali

Secondo Paolo Aielli, Amministratore Delegato del Poligrafico e Zecca dello Stato, “Con la Carta d’Identità Elettronica il Poligrafico e Zecca dello Stato rappresenta l’avanguardia europea”, poiché garantisce interconnessione e massima tutela dei dati personali. Le tecnologie in uso consentono infatti “la realizzazione di un documento tanto innovativo quanto sicuro”, sottolinea ancora Aielli. Inoltre, con la Carta d’Identità Elettronica si ampliano “le modalità attraverso cui il cittadino può accedere, tramite l’apposita area MyInps, ai servizi online dell’Istituto – aggiunge Pasquale Tridico, Presidente dell’Inps. Che ricorda come l’Inps sia stata “la prima amministrazione a consentire l’accesso con Spid, ed è tra le prime a consentire l’accesso con la Cie”.

Accesso tramite pc desktop o smartphone android

Ma come si accede ai servizi Inps con la Carta d’Identità Elettronica? Come spiega l’Inps sul suo portale, l’accesso ai servizi è consentito attraverso l’identity provider del Ministero dell’Interno, cliccando sul link “Cie” nella maschera di accesso ai servizi online. La Carta d’Identità Elettronica si può usare da pc desktop dotato di lettore Nfc, installando il software Cie scaricabile dal sito www.cartaidentita.interno.gov.it. Oppure, si può accedere tramite smartphone Android dotato di interfaccia Nfc, installando l’app Cie ID dallo store Android.

Siti vetrina

Il piano della cucina: una scelta che dura… una vita

Posted by Massimo Miceli on
Il piano della cucina: una scelta che dura… una vita

Le cucine delle case di oggi sono sempre di più sofisticate, scenografiche, oltre che pratiche e funzionali. Si tratta di ambienti che hanno saputo conquistare un posto d’onore all’interno delle abitazioni più moderne e di tendenza, tanto che si tende a prediligere un ambiente open che inglobi zona living e appunto, zona cucina. Ovvio che, con queste premesse, la cucina deve essere un elemento assolutamente glamour, da mostrare oltre che da utilizzare.

I materiali più innovativi

Oltre ai mobili, ai ripiani e agli elettrodomestici, l’elemento caratterizzante di ogni cucina è il piano di lavoro. Attualmente sul mercato si trovano un’infinità di soluzioni adatte a soddisfare tutte le esigenze e ogni gusto. Materiali naturali come il legno, classici come come il marmo o il quarzo, più moderni e “facili” come i laminati permettono di completare e di regalare una spiccata personalità all’ambiente cucina. Certo è che un piano di lavoro dovrà “vivere” per molti anni, senza subire gli effetti di calore, maltrattamenti e del contatto con i cibi. Insomma, un piano che si rispetti deve essere non solo esteticamente bello, ma anche molto, molto resistente e pratico da pulire.

L’ultima novità per vestire la cucina

Tra i materiali più innovativi del momento, ne spicca uno prodotto da Veneta Cucine, la più integrata piattaforma italiana di produzione di mobili per cucina, di cui Pedrazzini Arreda è rivenditore ufficiale per Milano. L’azienda ha infatti dato vita a Caranto, la nuova linea di prodotto specializzata nella realizzazione di piani cucina tecnici. “Caranto è sinonimo di design ed elevate prestazioni professionali, e assicura, per le sue molteplici declinazioni, standard di assoluta qualità e bellezza e propone innumerevoli finiture per la produzione di top, banconi, alzatine, schienali, fianchi e piani di tavoli sia nell’ambito del quarzo che della ceramica, per soddisfare tutte le esigenze di personalizzazione del progetto cucina” fanno sapere dall’azienda.

Caranto Ker e Caranto Quartz

I piani Caranto si suddividono in Caranto Ker, in ceramica e Caranto Quartz, in quarzo. Quali sono le differenze fra i due? Caranto Ker è composto da argille ceramiche e colori minerali inalterabili nel tempo che non risentono dell’effetto del calore, della luce o dell’uso di alcun prodotto chimico per la pulizia e la disinfezione. E’ resistente alle alte temperature: contrariamente ad altri materiali simili non brucia con il fuoco né teme il calore. Caranto Quartz viene realizzato con prodotti lapidei di natura silicea, quindi sabbie silicee, quarzite, quarzi macinati aggregati con vetro, feldspato ed alcuni graniti. Sono piani caratterizzati da alta resistenza ai graffi, basso livello di assorbimento dell’acqua e alta resistenza agli agenti chimici. Gli alimenti non lasciano alcuna macchia sul piano. Le superfici lucide in quarzo sono non porose e altamente resistenti a liquidi e sostanze acide. Una validissima scelta in più per chi sceglie Veneta Cucine, che si aggiunge ai tanti vantaggi già previsti. Ad esempio, ogni cucina è personalizzabile in ogni suo dettaglio: oltre i materiali per il piano di lavoro, si possono scegliere anche i materiali per le ante e naturalmente gli elettrodomestici di qualsiasi marca e genere.

Siti vetrina

Caffè, quando la macchina è un oggetto di design

Posted by Massimo Miceli on
Caffè, quando la macchina è un oggetto di design

Sono sempre più belle, piccole, colorate, ergonomiche, collezionabili. Così “carine” da aggiudicarsi i più prestigiosi premi internazionali del design contemporaneo. Ecco a voi le macchine da caffè di nuova generazione, dalle linee perfette e dai costi assolutamente democratici. Grazie anche a queste caratteristiche, le ultime macchine da caffè per la casa hanno fatto innamorare gli italiani, tanto che in molti hanno riposto la tradizionale moka in soffitta e adottato un sistema a capsule.

Guarda che look

Ed è proprio ai più giovani (non solo di età, ma anche di gusti) e attenti alla moda che si rivolgono i produttori di queste deliziose macchine da caffè. Più che un elettrodomestico, un must, un pezzo d’arredo, un vero e proprio complemento (ma utile). In questo filone si inserisce anche Lavazza con Tiny, l’ultima macchina caffè Lavazza per l’espresso lanciata dall’azienda torinese. “E’ una macchina importante perchè si inserisce in quel segmento più importante in Italia che sta sotto i 70 euro che oggi rappresentano il 75% del totale delle macchine vendute in Italia. E’ una macchina particolare che si rivolge a un pubblico giovane e attento al design e alle dinamiche legate a settori come quello della moda” ha dichiarato in occasione della presentazione Pietro Mazzà, direttore marketing Lavazza.

Anima pop e tanti colori

Proprio perché le nuove macchine del caffè sono oggetti da esibire, ben vengano i colori e le linee divertenti. Così la “piccola” di casa Lavazza si veste di diversi colori, tutti allegri e positivi, insieme all’immancabile nero. Tiny Lavazza, con la sua estetica ricercata, utilizza le capsule Lavazza a Modo Mio. Sia la macchina, proposta con la vantaggiosa formula Zero Pensieri, sia tutte le scorte che si desiderano di capsule Lavazza a Modo mio sono disponibili anche su CialdaMia, il portale on line del caffè italiano in capsule di qualità. Bianca, rossa o nera Tiny si può avere direttamente attraverso CialdaMia, con 160 o 360 capsule a scelta. Il tutto a un prezzo “ristretto”.

Macchina da premio

Già vicina al mondo dell’arte – è stata coinvolta in un progetto di Maurizio Cattelan durante lo scorso Salone del mobile di Milano – Tiny si è anche aggiudicata il Red Dot Award, uno dei maggiori e più importanti premi del design mondiale. Insomma, il mercato delle capsule di caffè è bello e buono, ma soprattuto da primato. “Il single server è um mercato che continua a crescere importante per Lavazza. In Italia abbiamo una quota del 31% a valore, che è una quota importante è un mercato molto dinamico trainato dalle nuove generazioni che sono il target principale del porzionato e cresce in tutte le categorie. Cresce a doppia cifra da diversi anni, in Italia ha superato il milòione di macchine vendute all’anno e anche le capsule hanno superato il miliardo nella grande distribuzione. Un mercato molto dinamico che essendo trainato dalle nuove generazioni ha motivo di crescere nei prossimi anni” ha dichiarato pochi mesi fa Pietro Mazzà. E il futuro appare sereno e positivo. Sereno e positivo come bere una tazzina di ottimo espresso.

Siti vetrina

Twitter cambia colore

Posted by Massimo Miceli on
Twitter cambia colore

Twitter si rinnova spesso, questa volta però sembra che la piattaforma stia ripensando se stessa e il proprio ruolo. A settembre il fondatore Jack Dorsey dichiarava “se non troviamo soluzioni, perderemo il nostro business”. Per sopravvivere quindi Twitter deve cambiare, e le novità saranno molte, ma soprattutto più colorate. Di fatto, nelle prossime settimane il social network diffonderà una versione beta di come potrebbe essere in futuro. E se non è certo una novità il rilascio di una versione provvisoria a un ristretto gruppo di utenti, questa volta Twitter ha diffuso la sua beta proprio all’inizio del percorso di cambiamento.

I tweet avranno toni diversi

Quando un tweet genera lunghe discussioni è piuttosto complicato seguire la conversazione. Per mettere ordine, riporta Agi, Twitter punta quindi su colori diversi: i tweet avranno toni differenti a seconda di chi li abbia pubblicati, se da chi ha avviato la discussione, da un utente seguito (in verde) o da uno con cui non si hanno contatti (in blu). Sempre con l’obiettivo di fare ordine, Twitter potrebbe applicare un algoritmo per dare gerarchia all’interno di una conversazione. Già da tempo ha abbandonato l’ordine cronologico per evidenziare i messaggi più interessanti per l’utente, ma la nuova versione importa questa opzione anche all’interno degli interventi che si accodano a un tweet principale. Con alcuni suggerimenti che indicano i contenuti più pertinenti.

Ridimensionare i retweet

L’altro esperimento di grande impatto riguarda le icone “mi piace”, rispondi e retweet. Sono sempre state una parte fondamentale di Twitter, ma è arrivato il momento di cambiarli, perché tendono ad assecondare la circolazione di contenuti tossici. La soluzione proposta dalla versione beta è la scomparsa delle icone, non in tutti i cinguettii, ma nei tweet di risposta. Neppure in questo caso, in realtà, spariscono del tutto, ma per visualizzarle è necessario pigiare sul post. L’obiettivo sembra essere rendere la condivisione meno impulsiva, sperando che ne giovi la qualità della discussione.

Una sperimentazione partecipata

In un certo senso si tratta di un’evoluzione partecipata del social network. Lo conferma il fatto che le novità non siano indiscrezioni, ma funzioni illustrate a TechCrunch da Sara Haider, la responsabile del prodotto di Twitter. In base alle opinioni e ai dati raccolti, la società deciderà poi quali correzioni allargare a tutti gli utenti, quali potenziare o escludere. Non è quindi certo che le funzioni oggi al vaglio saranno adottate. Tuttavia indicano due direzioni precise. Prima di tutto la volontà di stimolare le interazioni, limitando però il brusio di fondo per privilegiare ordine e rilevanza dei contenuti, e poi uno spostamento verso i contenuti nuovi. Twitter sta infatti puntando sulla trasmissione di eventi in diretta e l’interazione in tempo reale tra gli spettatori.

Siti vetrina

Sanzioni in mancanza di adeguamento al nuovo Regolamento Comunitario

Posted by Massimo Miceli on

Le novità introdotte dal nuovo Regolamento Comunitario, il GDPR 2016/679, prevedono delle sanzioni non indifferenti per tutte quelle realtà che non si adeguano. Nel dettaglio, qualora una azienda non andasse a trattare in maniera corretta i dati personali di dipendenti, fornitori o clienti, andrebbe incontro ad una sanzione amministrativa che può ammontare fino a 20.000 euro o sino al 4% del fatturato annuo relativo al precedente esercizio. Si tratta dunque di cifre importanti, ed è bene per questo evitare di correre anche semplicemente il rischio di potervi incappare e vedere andare in fumo parte dei propri guadagni. Adeguarsi al nuovo regolamento può non essere semplice per chi non ha grande dimestichezza con determinati aspetti legislativi o per chi è troppo impegnato a dedicarsi al proprio business per trovare il tempo di approfondire lo studio di questo nuovo ed importante regolamento, volto a migliorare la privacy e la tutela di tutti noi.

A questo proposito diventano preziosi i corsi privacy che Area 81 S.r.l. propone: questa azienda della provincia di Monza, da sempre impegnata nel settore della sicurezza e adempimenti aziendali in Lombardia, propone degli interessanti corsi grazie ai quali ogni azienda può capire come gestire al meglio i dati personali di dipendenti, fornitori o clienti. Ciò significa che al termine del corso sarà perfettamente chiaro quale sarà il modo corretto di acquisire, gestire e conservare i dati personali, ma anche di ottemperare a tutte le altre regole previste dal nuovo regolamento, come ad esempio il modo in cui viene raccolto, laddove previsto, il consenso da parte degli utenti per il trattamento dei dati personali, o ancora il modo in cui essi vengono informati del fatto che i loro dati saranno trattati in maniera conforme da quanto previsto dal nuovo regolamento. Una ottima opportunità dunque, per adeguarsi alle nuove direttive ed evitare di incappare in importanti sanzioni amministrative.

Siti vetrina

Privilege Apartments | Soluzioni di alloggio di lusso a Monza

Posted by Massimo Miceli on

Gli appartamenti a Monza che Privilege Apartments propone sono perfetti per chi desidera soggiornare in un appartamento esclusivo dal quale è facile raggiungere Milano o qualsiasi altra destinazione data la vicinanza con la rete autostradale. L’atmosfera di cui possono usufruire gli ospiti è estremamente rilassante e confortevole, complice anche lo splendido parco prospicente la struttura ricettiva, il quale vanta oltre 10 mila metri quadri di verde e consente di trovare il giusto relax di cui si avverte la necessità, per staccare un attimo dal caos del traffico cittadino o del lavoro. Gli appartamenti sono eco-friendly, e dunque realizzati secondo i principi di sostenibilità e risparmio energetico. La domotica è inoltre una importante caratteristica aggiuntiva delle soluzioni di alloggio Privilege Apartments perché applica la tecnologia ai dispositivi di casa, rendendo così l’ambiente ancora più piacevole e confortevole da vivere e da scoprire, nonché perfetto sia per le necessità di quanti si spostano per motivi di lavoro che per coloro i quali si concedono una vacanza e necessitano di una base ideale per poter esplorare a dovere la Brianza.

Esistono in proposito due differenti tipologie di appartamenti, entrambe perfettamente in grado di garantire il massimo del comfort ma ciascuna con delle proprie caratteristiche ben definite: gli appartamenti Classic e quelli Executive. Gli appartamenti Classic possono ospitare un massimo di due persone ed hanno una superficie di 30 mq, mentre gli appartamenti Executive sono leggermente più spaziosi (hanno una superficie di 40 mq) e possono ospitare fino a 40 persone. In entrambi i casi gli ospiti potranno approfittare di una bellissima doccia con getti idromassaggio, Wi-Fi gratuito, aria condizionata e riscaldamento, angolo cottura ed un bellissimo balcone che si affaccia sul verde. È possibile richiedere una quotazione personalizzata sfruttando l’apposito form presente sulla pagina dedicata alle prenotazioni.