Category Archives

6 Articles

Main

Il mercato ICT continua a crescere, in attesa del PNRR

Posted by Massimo Miceli on
Il mercato ICT continua a crescere, in attesa del PNRR

Il mercato ICT in Italia continua a crescere, forte anche dell’accelerazione data dal lungo periodo di pandemia. Fatto sta che il comparto oggi vale oltre 34 miliardi di euro. A fornire gli ultimi dati del settore è l’Assintel Report 2021, la ricerca realizzata da Assintel, Associazione Nazionale delle Imprese ICT e Digitali, insieme alla società di ricerca indipendente IDC Italia, con la sponsorship di Confcommercio, Grenke e Intesa Sanpaolo.

I numeri di un settore in espansione

I numeri sono tutti i positivo, come evidenzia il report. L’emergenza sanitaria ha accelerato la trasformazione digitale delle imprese e gli investimenti previsti dal PNRR stanno iniettando fiducia e nuovi progetti. Il mercato dell’Information & Communications Technology chiuderà il 2021 con una spesa pari a 34,4 miliardi di euro, in crescita del 4,1% rispetto al 2020. Nel 2022 continuerà a crescere superando i 35 miliardi di euro, per poi arrivare a 36,4 miliardi di euro nel 2023, con una crescita media annua del +3,3%. Nell’ultimo anno di quest’era Covid, gli investimenti ICT si sono focalizzati sui servizi e sulle tecnologie strategiche per migliorare la connessione dell’azienda, per consentire il lavoro e le vendite da remoto e per gestire i processi mission critical. Nel 42% delle imprese la spesa ICT complessiva è rimasta invariata, ma è stata indirizzata su progetti specifici a sostegno delle attività durante la crisi, mentre il 9% delle imprese ha aumentato la spesa per sviluppare progetti innovativi e un altro 3%, pur riducendo la spesa totale, ha continuato a investire su progetti innovativi.

Il ruolo cruciale del PNRR

A proposito di PNRR “Non ci capiterà un’altra opportunità come questa, unica nel suo genere. Assintel è pronta a fare ALL-IN, investendo tutte le proprie risorse per contribuire alla Digitalizzazione e Innovazione del sistema economico del Paese” ha detto Paola Generali, Presidente Assintel, introducendo il documento di sintesi dell’associazione per massimizzare gli effetti del PNRR sulla crescita digitale. “Le proposte che lanciamo al Governo sono concrete e seguono tre filoni fondamentali: creare le condizioni normative per la partecipazione del Made in Italy digitale al processo di trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione Centrale e Locale; favorire la trasformazione digitale delle micro, piccole e medie imprese attraverso bandi, incentivi fiscali e nuove regole che agevolino ex ante gli investimenti; sostenere la ricerca e sviluppo nelle aziende ICT e Digitali e dell’Offerta, che sono esse stesse costituite per la stragrande maggioranza da micro, piccole e medie imprese”.

Main

Aziende a caccia di eCommerce manager

Posted by Massimo Miceli on
Aziende a caccia di eCommerce manager

L’eCommerce ha vissuto un vero e proprio boom a partire dallo scoppio della pandemia di Covid-19 e il trend non accenna a fermarsi. Come confermano i dati dell’Osservatorio eCommerce B2C – Netcomm School of Management del Politecnico di Milano, nel 2020 in Italia gli acquisti online sono aumentati del 3,4% e hanno raggiunto i 32,4 miliardi di euro. Per l’anno in corso, le stime parlano di una crescita complessiva del 19% del settore eCommerce B2C, ribadito a sua volta dal recente report di Idealo che ha evidenziato come in Italia, solo nei primi sei mesi del 2021, 5 italiani su 6 concludono in media almeno un acquisto online una volta al mese. Si tratta di un aumento del  5% rispetto a quello registrato nel 2020.

Investimenti sul commercio elettronico

La mutata realtà ha portato anche tantissime aziende a investire su questo canale, prima ritenuto non necessario da molti venditori. Negli ultimi mesi si è infatti assistito ad un processo di digitalizzazione sempre più rapido che ha spinto aziende, pmi e brand ad investire maggiormente sull’eCommerce, alla luce dei cambiamenti dei consumatori oggi sempre più propensi agli acquisti online. Di fatto anche i retailer più piccoli e all’inizio più scettici, hanno alla fine accelerato la creazione di un eCommerce supportata da una comunicazione strategica online e andando così incontro alle nuove esigenze dei clienti.

Si cercano nuove figure professionali

Ovviamente l’exploit dell’eCommerce ha portato al bisogno di nuove figure professionali capaci di creare e far crescere i canali di vendita on line. Questo trend, che non sembra arrestarsi, si sta traducendo in una domanda sempre maggiore da parte del mercato del lavoro della figura dell’eCommerce Manager, oggi tra le più richieste. Su Linkedin ad esempio solo a luglio 2021 si sono registrate oltre 1.000 offerte di lavoro in Italia per eCommerce Manager. Ma che caratteristiche deve avere questa figura? Spiega Marco D’Oria, direttore dell’Accademia del Marketing Digitale Cama, che ha lanciato un percorso formativo proprio su questo ruolo: “Si tratta di un marketer caratterizzato da una formazione a T, verticale su un settore, ma anche con una visione a 360 gradi su più aree d’azione interne di un’azienda. È una figura nuovissima, figlia di questo processo di digitalizzazione in atto sempre più rapido, molto richiesta quanto ancora difficile da trovare data l’assenza di corsi universitari strutturati appositamente”. Secondo  D’Oria, “è un ruolo che deve necessariamente saper coniugare i rudimenti del marketing con una determinata attitudine al project management e al coordinamento dei diversi team. L’eCommerce Manager infatti supervisiona non solo il corretto funzionamento della piattaforma e-commerce ma anche di tutti gli aspetti corollari ad esso: dalla strategia di comunicazione a quella legata alla vendita, dalla logistica e gestione delle spedizioni e lo stoccaggio della merce fino al customer service e quindi tutto il processo di comunicazione con il cliente sia prima che dopo la vendita”. 

Main

Regione Lombardia promuove gli investimenti esteri

Posted by Massimo Miceli on
Regione Lombardia promuove gli investimenti esteri

La Regione Lombardia guarda oltre i confini nazionali e soprattutto aiuta gli operatori di tutto il mondo a investire nel territorio più produttivo d’Italia. In particolare, la Giunta ha definito i criteri della manifestazione di interesse per la mappatura delle opportunità di insediamento e di investimento in Regione. “Con il lancio della manifestazione d’interesse Regione Lombardia intende costruire un’offerta di investimento ampia e strutturata da presentare agli investitori esteri, quale leva per la ripresa socio-economica post pandemia e per la tenuta del posizionamento competitivo del territorio lombardo sul piano internazionale” si legge in una nota. 
“La Lombardia – ha detto l’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia, Guido Guidesi “è la Regione più attrattiva d’Italia e vogliamo continui ad essere meta privilegiata per gli investitori esteri. Questa iniziativa vuole dare un’opportunità concreta a chi vuole venire ad investire in Lombardia”.

Due tipologia d’offerta

Le tipologie d’offerta sono due. La prima riguardante le aree edificabili ed edifici esistenti quali opportunità di insediamento per attività di tipo prevalentemente economico e comprendenti sia le aree pronte all’uso sia le aree e gli immobili dismessi. La seconda rivolta a progetti di riqualificazione e/o di sviluppo urbano strategici per il territorio quali opportunità di investimento. Per entrambe le tipologie di offerta potranno essere candidate opportunità di proprietà pubblica e/o privata, in questo secondo caso previa attivazione di una procedura ad evidenza pubblica. Per dare accesso a tute le informazioni, nasce anche la piattaforma digitale www.investinlombardy.com dove saranno pubblicati opportunità e progetti. Allo stesso tempo, verranno attivati a livello nazionale e internazionale eventi, meeting, conferenze, convegni, fiere, campagne di comunicazione, editoria a supporto di questa operazione.

Le categorie degli insediamenti

Per quanto concerne le opportunità di insediamento queste sono le funzioni ammesse: produttivo, direzionale, turistico-ricettivo, logistica e trasporti, istruzione e formazione, residenziale per studentati, strutture sanitarie, assistenziali e/o ospedaliere e residenziale per anziani e impianti sportivi. I siti, di proprietà pubblica o privata, potranno essere candidati da: i Comuni (singoli o in aggregazione) Comunità Montane, Province, Città Metropolitana.

Valori degli investimenti

Il valore minimo dell’investimento, comprensivo dei costi di acquisizione dell’area e dei costi di realizzazione del progetto, sarà pari o superiore a 10 milioni di euro ad eccezione di progetti inerenti edifici storici e di particolare pregio, che potranno essere ammessi anche se di valore inferiore; superficie lorda di pavimento pari o superiore a 8.000 mq, ad eccezione di progetti inerenti edifici storici e di particolare pregio, che potranno essere ammessi anche se di superficie inferiore.

Main

Lavoro e pandemia, giovani demotivati. In Italia peggio che in Europa

Posted by Massimo Miceli on
Lavoro e pandemia, giovani demotivati. In Italia peggio che in Europa

Durante l’anno della pandemia il 39% dei dipendenti europei ha avuto difficoltà a trovare la giusta motivazione al lavoro, e circa la metà dei lavoratori più giovani, quelli tra i 18 ai 34 anni, ha sofferto di un vero e proprio blocco motivazionale. E in Italia è ancora peggio. Nello stesso periodo, infatti, rispetto ad altri Paesi europei, nel nostro Paese si è avvertita più forte la percezione di una riduzione delle possibilità di ottenere nuove responsabilità e acquisire nuove skill. La pensa così il 49% dei lavoratori italiani. Si tratta di alcuni risultati di una ricerca condotta da Yonder per Workday, la società per le applicazioni aziendali cloud nella gestione finanziaria e le risorse umane, sull’impatto della pandemia nella vita lavorativa. La ricerca è stata condotta tra ottobre e novembre 2020, ovvero nella seconda fase della pandemia, attraverso la rilevazione di 17.054 sondaggi online effettuati a dipendenti di livello inferiore a quello di direttore, che lavorano in un’organizzazione con più di 250 dipendenti di nove Paesi europei.

Nel 2020 si sono ridotte le possibilità di ottenere nuove responsabilità e skill

Da quanto emerge dallo studio, rispetto al resto d’Europa, in Italia coloro che hanno maggiormente sofferto l’impatto emozionale della pandemia sul posto di lavoro sono le persone più giovani: la percentuale italiana del 49% si confronta infatti con una media europea del 38%. Il 54% dei giovani dipendenti ha dichiarato, inoltre, di credere che le sue possibilità di ottenere nuove responsabilità e skill nel 2020 si siano ridotte, mentre i lavoratori più anziani sono più portati a considerare egoistico, in questo momento, pensare alla carriera.

I dipendenti come percepiscono la risposta della leadeship alla crisi?

Ma come è stata percepita da parte dei dipendenti la risposta della leadership? I leader italiani, stando alle risposte fornite a Yonder, sono in linea con i risultati europei. Per il 51% dei lavoratori la leadership ha una visione chiara sul futuro a lungo termine dell’azienda, per il 49% i senior manager hanno dimostrato una leadership chiara, hanno fornito risorse sufficienti per permettere di offrire ai clienti un buon servizio, e hanno lavorato in gruppo e informato. Questo ha fatto sì che il 53% dei lavoratori abbia compreso il ruolo che giocherà nel futuro dell’azienda, anche se solo il 28% si è sentita parte delle decisioni della leadership, un dato in linea con i Paesi europei.

C’è chi pensa di cambiare lavoro nei prossimi 12 mesi 

Nei prossimi 12 mesi in Italia, però, il 22% dei dipendenti dichiara che probabilmente cercherà un nuovo datore di lavoro. E la percentuale sale al 33% nei giovani di 18-34 anni. Il 23% dei dipendenti dichiara, invece, che probabilmente cercherà un nuovo posto di lavoro dopo la pandemia. Le maggiori motivazioni per cui i lavoratori stanno pensando di cambiare posto di lavoro, riporta Adnkronos, sono ottenere una migliore formazione e più opportunità di crescita, auspicate dal 39% degli intervistati, ottenere una paga migliore (37%), un ruolo più interessante (31%), o un livello professionale più alto (26%).

Main

Il 6% di italiani in smart working lavora senza vestirsi

Posted by Massimo Miceli on
Il 6% di italiani in smart working lavora senza vestirsi

Durante la pandemia molti hanno dovuto trasferire l’ufficio nel salotto di casa, e ciò ha comportato qualche difficoltà nel bilanciare lavoro e vita privata. Con lo smart working però sembra che le persone abbiano riscoperto alcuni piaceri “proibiti” ai quali non vorrebbero rinunciare neanche in futuro. Per il 6% degli italiani, ad esempio, uno dei vantaggi dello smart working è la possibilità di lavorare senza vestirsi, ma tra le altre attività più apprezzate dai dipendenti italiani c’è però anche la possibilità di svegliarsi più tardi nei giorni feriali, il binge watching su Netflix, oppure lavorare all’aperto. È quanto emerge da un’indagine di Kaspersky sui comportamenti di 8.000 dipendenti di aziende di piccole e medie dimensioni in tutto il mondo.

Il 49% vorrebbe mantenere questo stile di vita anche in futuro

Oltre a lavorare poco vestiti, pratica ben lontana dal diventare mainstream, la maggior parte degli italiani ha beneficiato comunque di poter lavorare in abiti comodi. Il 49% si è abituato a questo stile di vita, e vorrebbe poterlo mantenere anche in futuro. Lo stesso vale per il poter dire finalmente addio ai lunghi spostamenti, che ha reso i dipendenti più felici: il 32% ha infatti dichiarato di svegliarsi 5 minuti prima dell’inizio della giornata lavorativa, e di apprezzare la possibilità di poter fare un riposino durante il giorno.

Il 19% fa binge watching su Netflix

Questo periodo ha offerto anche altri benefici ai dipendenti in smart working: il 27% degli italiani ha apprezzato anche la possibilità di poter lavorare all’aperto, in giardino o sul balcone, mentre il 19% è riuscito anche a fare binge watching su Netflix durante il lavoro. Tra gli altri vantaggi graditi dai dipendenti ci sono l’aumento del tempo libero per i videogiochi (11%), i pranzi da asporto (10%), e la possibilità di farsi meno docce (5%). Tuttavia, questa ritrovata libertà impone anche di tenere un certo livello di responsabilità quando si tratta di sicurezza informatica. Disporre di soluzioni di sicurezza affidabili su tutti i dispositivi consente agli utenti di potersi rilassare approfittando delle opportunità dello smart working, e rimanere al contempo protetti.

Una lama a doppio taglio

“Il lockdown si è rivelato una lama a doppio taglio per le persone che possono lavorare da casa – commenta Marina Titova, Head of Consumer Product Marketing di Kaspersky -. Da un lato, i dipendenti hanno finalmente la possibilità di dimenticare i lati negativi della vita caotica delle grandi città e lavorare in un’atmosfera più confortevole. Dall’altro lato, hanno dovuto affrontare molte sfide per riuscire a continuare a essere produttivi, riorganizzando il proprio spazio di lavoro e sviluppando nuove abitudini”.

Ma quando si lavora da casa la privacy è messa ancora più a rischio, per cui è importante ricordarsi anche della sicurezza digitale, propria e dell’azienda per cui si lavora.

Main

Le donne trainano il mercato del lavoro in Lombardia

Posted by Massimo Miceli on
Le donne trainano il mercato del lavoro in Lombardia

Se a fare la parte del leone per quanto riguarda l’occupazione femminile è la Lombardia, nel decennio tra il 2008 e il 2018 il numero di donne occupate nella regione è cresciuto del 5,9%, registrando 105 mila occupate in più. Nello stesso periodo l’occupazione maschile lombarda è cresciuta dello 0,9%, +22 mila unità.  Lo conferma l’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro, con il rapporto dal titolo La crescita del mercato del lavoro in Lombardia.

Se dunque la Lombardia nel 2018 ha superato di 127 mila unità gli occupati del 2008, il maggior contributo è da individuare proprio nella componente femminile.

I dati lombardi si avvicinano a quelli europei

Lo studio dimostra poi come la crisi finanziaria abbia determinato una flessione dell’occupazione delle donne solo fino al 2011, per poi ripartire negli anni seguenti. Al contrario, l’occupazione maschile è rimasta in flessione fino al 2015. Il tasso di inattività femminile in Lombardia è passato invece dal 39,9% del 2008 al 35,8% del 2018, inferiore alla media nazionale del 43,8%. Nel medesimo decennio non sono cresciute solo le donne occupate, ma anche le laureate (+53,1%), a fronte a una crescita ridotta dei laureati maschi, pari al 33,2%. Il dato lombardo sembra quindi avvicinare il dato nazionale a quello europeo, dove l’occupazione femminile è del 61.2%.

A livello nazionale è occupata solamente una donna su due

Gli studi fatti a livello nazionale però parlano chiaro. Nel nostro Paese è occupata solamente una donna su due. L’Istat segnala che attualmente è occupata il 49,8% delle donne, il massimo delle serie storiche, comunque di 10 punti inferiore al tasso maschile, e di 12 punti al di sotto rispetto alla media europea.

“Il problema dell’occupazione femminile in Italia è ancora molto lontano dall’essere risolto – spiega Carola Adami, AD della società di head hunting Adami & Associati – e il nodo principale continua a essere quello della conciliazione lavoro-famiglia, con le donne che ancora oggi, nella maggior parte dei casi, si devono fare carico dei figli e, spesso, anche dei genitori”.

“Sono ancora tante le donne che all’arrivo del primo figlio escono dal mondo del lavoro”

Indubbiamente la soluzione a questo problema sarebbe quella di aumentare i servizi, a partire dagli asili nido. “Nel nostro Paese sono ancora tantissime le donne che all’arrivo del primo figlio escono in modo definitivo dal mondo del lavoro”, aggiunge l’head hunter.

Nonostante questo, i numeri dell’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro sull’occupazione femminile in Lombardia fanno ben sperare.

“La stessa crisi che ha ridimensionato l’occupazione, ad esempio, ha poi spinto molte donne a ritornare nel mondo del lavoro per rimettere in sesto l’economia famigliare – sottolinea Adami – non si può negare, inoltre, che un maggior numero di donne laureate significhi che ci sono sempre più donne in grado di affrontare al meglio il mercato del lavoro, presentandosi con tutte le carte in regola per la selezione di personale qualificato”.