Daily Archives

One Article

Uncategorized

Editoria italiana, all’estero cresce dell’8,7%

Posted by Massimo Miceli on
Editoria italiana, all’estero cresce dell’8,7%

L’editoria italiana guarda sempre più ai lettori stranieri. Dal 2001 a oggi la vendita dei diritti è aumentata di circa cinque volte, e gli acquisti sono quasi raddoppiati. Nel 2019 poi sono stati ceduti 8.569 diritti, con un +8,7% rispetto al 2018. E crescono, anche se a ritmo meno sostenuto, i diritti acquistati, arrivati a 9.648, +3,1% rispetto al 2018. Dai dati 2019 dell’Osservatorio dell’Associazione Italiana Editori (AIE) sull’import-export dei diritti, emerge inoltre che il percorso di internazionalizzazione hanno un’importanza sempre più rilevante le coedizioni realizzate dagli editori italiani con gli stranieri: nel 2019 sono state 2.987, +42,6% rispetto al 2018.

Il 49,5% degli acquisti di diritti è coperta dai piccoli e medi editori

Stabile, rispetto al 2018, la ripartizione per generi più venuti. Bambini e ragazzi e narrativa italiana, insieme, coprono il 64,3% di tutti i diritti venduti ma, mentre la percentuale dei primi è in lieve calo, dal 39% al 38%, la narrativa italiana cresce, dal 25,4% al 26,3%. A seguire la saggistica al 20,6%, gli illustrati al 10,5% e la manualistica al 4,6%. I dati fanno vedere che le piccole case editrici continuano ad acquistare più diritti di quanti ne vendano. Ma se gli acquisti crescono del 2,9%, l’export cresce a tassi molto più sostenuti, +16,5%. Quasi la metà degli acquisti di diritti, il 49,5%, è coperta dai piccoli e medi editori mentre i diritti venduti rappresentano il 23,8% del totale, riporta Ansa.

Crescono le vendite in Asia

L’Europa rappresenta sempre il principale mercato di vendita delle opere, con il 64,2% del totale, ma continuano a farsi spazio anche altre aree geografiche. In particolare l’Asia, con il 14,3% (+26,3% rispetto al 2018). In calo le vendite in Nord America (-36,7%), Sud America (-8,3%) e Medio Oriente (-14,6%).

Il Paese europeo dove si è venduto di più nel 2018 è la Spagna con il 20,3% del totale. Crescono fortemente anche le vendite di diritti nei Paesi dell’Europa centrale e balcanica (16,2%), Polonia (13,1%) e Ungheria (4,7%). Dopo la partecipazione dell’Italia come Paese ospite d’onore alla XX edizione della Non/Fiction International Book Fair di Mosca, un dato significativo è rappresentato dalla Russia, con il 7% di diritti venduti, +169,2% rispetto al 2018, quando i diritti coprivano il 3% del totale.

“L’internazionalizzazione è un processo che investe in pieno tutta l’editoria”

“Questa indagine conferma che l’internazionalizzazione è un processo che investe in pieno tutta l’editoria, grandi gruppi come medi e piccoli editori. Alle fiere internazionali cresce sempre di più la presenza dei piccoli editori che vivacizzano il mercato e, con uno sforzo economico importante, portano all’estero la complessità dell’offerta culturale italiana – commenta il vicepresidente di AIE e presidente del Gruppo dei Piccoli editori Diego Guida -. In questo senso va anche la scelta di dedicare questa edizione di Più libri più liberi al tema dei Confini dell’Europa, con un forte taglio internazionale”.